0362 990913 Lun - Ven / 08:30 - 18:30
0362 990913 Lun - Ven / 08:30 - 18:30

News e approfondimenti dal Portale del Cavallo

Viene qui riportata una serie di articoli, news e approfondimenti pubblicati sul magazine online Il Portale del Cavallo a tema cavallo, cane, gatto, e altri animali, oltre al benessere naturale, la cura degli animali e altri argomenti di interesse riguardo ai prodotti in vendita sul nostro e-commerce.

Acqua o non acqua, questo è il problema… un viaggio nell'orecchio degli animali
Le orecchie dei nostri amici a 4 zampe sono molto importanti e devono di conseguenza essere ben tutelate. Perchè non utilizzare i prodotti naturali di Union BIO?

Un po’ di anatomia… L’orecchio degli animali è suddivisibile in 3 porzioni, così come per l’uomo: orecchio interno, medio ed esterno. Quello con cui abbiamo uno stretto contatto e che riusciamo a vedere abbastanza bene, è l’orecchio esterno, composto a sua volta dal padiglione e dal canale, che termina nella membrana timpanica. A cosa serve l’orecchio? L’orecchio, oltre ad essere l’organo fondamentale per la percezione del suono, è anche deputato a mantenere l’equilibrio, percependo infatti la posizione del capo, l’orecchio permette a noi e ai nostri animali di mantenere una postura adeguata. Come mi accorgo se l’orecchio è in salute? Un orecchio sano è un orecchio con una pelle chiara (ad eccezione di animali con pelle pigmentata), che non presenta eccesso di materiale al suo interno e il cui odore è relativamente neutrale. Alterazioni di colore (pelle molto rossa, biancastra o nera), del suo contenuto (presenza di materiale scuro o chiaro in eccesso), o dell’odore (odore dolciastro, ma anche odore nauseabondo riconducibile ad un’infezione purulenta), indicano una cattiva salute dell’orecchio e necessitano, di conseguenza, di una visita urgente dal medico veterinario di fiducia. Come posso mantenere in salute l’orecchio di cani e gatti? L’orecchio degli animali è fondamentale e di conseguenza deve essere gestito in modo appropriato! Essendo il canale uditivo abbastanza profondo, si sconsigliano prodotti solo a base acquosa, poiché, in un canale così lungo e col calore corporeo, quest’acqua male asciugata, potrebbe indurre lo sviluppo di un ambiente caldo-umido ideale allo sviluppo di lieviti come la malassezia. Sono sconsigliati, salvo prescrizione medica, anche i prodotti contenenti disinfettanti molto forti, che, a lungo andare, potrebbero irritare eccessivamente la pelle privandola del suo film lipidico superficiale protettivo, permettendo lo sviluppo di infezioni secondarie. Rimangono per cui prodotti oleosi o in emulsione, meglio se naturali, che rappresentano la scelta migliore per effettuare pulizie periodiche delle orecchie, poiché provocano meno umidità e facilitano la rimozione del cerume. Come si pulisce l’orecchio? L’orecchio va pulito solo se sporco, non è necessario effettuare pulizie giornaliere, soprattutto in assenza di sporcizia e con prodotti chimici e acquosi. Nel caso di prodotti oleosi e in emulsione acqua-olio, solitamente bastano alcune gocce di prodotto, un leggero massaggio e una pulizia accurata con una garzina per ottenere l’effetto desiderato. Il consiglio di Union B.I.O: OTOMUCOPLUS Otomucoplus è una lozione naturale contenete la Matrice UB, un potenziatore naturale, che, insieme a dei principi attivi vegetali, ci aiuta a detergere l’orecchio del nostro amico animale in modo facile e sicuro. Basta applicare alcune gocce di prodotto nell’orecchio, massaggiare, attendere alcuni minuti, ed asciugare l’eventuale eccesso con l’ausilio di una garza. Gli oli essenziali contenuti al suo interno vantano proprietà antibatteriche, antimicotiche ed antiacaro, oltre a svolgere attività antinfiammatoria ed antidolorifica. Tra gli oli più importanti ricordiamo il Tea Tree e l’olio di neem, in prima linea contro funghi e acari! > Acquista Otomucoplus di UNON BIO su www.nonsolocavallo.it

Il libro della settimana: "Il mio cavallo tiene il naso in avanti"
La felicità dei cavalli di domani è nelle mani dei ragazzi di oggi, il libro che ci fa conoscere quelle che sono ritenute le basi di un'equitazione corretta

Gerd Heuschmann Il mio cavallo tiene il naso in avanti! La felicità dei cavalli di domani è nelle mani dei ragazzi di oggi Traduzione di Caterina Frey ed. Equitare Dopo Il dito nella piaga, scritto per i lettori adulti, Gerd Heushmann si rivolge con questo libro ai giovani cavalieri, per sensibilizzarli su quali siano le esigenze del cavallo, il corretto modo di gestirlo e di montarlo, il tipo di rapporto che vogliamo avere con lui. Perché il cavallo deve tenere il naso in avanti? Perché possiamo addestrare i nostri cavalli in modo corretto solo se tengono il naso naturalmente e costantemente davanti alla verticale. Un'incollatura distesa permette al cavallo di avere la schiena sciolta e libera che si flette al ritmo delle andature. Se saremo capaci di montare in questo modo, potremo avere un cavallo sano, con "il naso in avanti" anche nei concorsi. Questo libro ci fa conoscere quelle che sono ritenute le basi di un'equitazione corretta. Che si desideri fare passeggiate in campagna, cimentarsi nei concorsi di salto ostacoli o montare nel rettangolo di dressage, queste basi sono comunque valide e irrinunciabili.   > Acquista il libro online su www.nonsolocavallo.it    

E' stata affidata a Equifarma l'esclusiva per l'Italia di EQUITON, VITAL HORSE CARE di Troytown GreyAbbey
Troytown GreyAbbey ha affidato EQUITON per il mercato Italia a EQUIFARMA, azienda che da decenni opera nel settore con dedizione, serietà e passione.

EQUITON è un mangime complementare liquido sviluppato dalle ricerche effettuate dai Veterinari della clinica Troytown GreyAbbey , appositamente studiato per cavalli sportivi in attività, in allevamento e dopo interventi chirurgici, a base di vitamine, sali minerali e amminoacidi. EQUITON grazie alla sua particolare formula contenente 8 vitamine, 11 minerali ed amminoacidi è indicato per migliorare le prestazioni dei cavalli sportivi. EQUITON è ricco di vitamine A, D3, E, K3, vitamine del gruppo B, Ferro, Rame, Selenio, Biotina ed amminoacidi essenziali. A cosa serve e cosa garantisce: Massimo rendimento Stimola l’appetito Aumenta le difese immunitarie Mantiene In forma CAVALLI IN ATTIVITA': gli antiossidanti naturali come la Vitamina E ed il Selenio diminuiscono i danni muscolari dovuti all’esercizio sportivo. Il Ferro in associazione alle vitamine del gruppo B ed al Rame favorisce la produzione dei globuli rossi. CAVALLI IN ALLEVAMENTO: è dimostrato che la Vitamina E migliora la risposta immunitaria e incrementa la produzione di immunoglobina G nel latte. Inoltre minerali quali Calcio, Rame e la Vitamina A risultano fondamentali per il periodo della gestazione. CAVALLI CONVALESCENTI: la Vitamina B1 ed il Magnesio sono indicati per mantenere un buon livello di tranquillità nei soggeti convalescenti. Inoltre la L-lysina è importante per il metabolismo, il sistema nervoso e il sistema immunitario. MODO D'USO: Cavalli in attività: miscelare alla razione giornaliera nella misura di 50 ml al dì. Cavalli a riposo:  miscelare alla razione giornaliera nella misura di 40 ml al dì. Yearlings: miscelare alla razione giornaliera nella misura di 30 ml al dì. EQUITON funziona e lo dimostrano le numerose testimonianze di allevatori e i buoni risultati ottenuti da cavalli di fama internazionale come ad esempio: Hawksmoor vincitrice del GR3 888 Sport Prestige Stakes a Goodwood il 29/08/2015. Piazzata in GR2 il 25/09/2015 e in GR1 il 09/10/2015 a Newmarket. Allevata dalla Tenuta Genzianella con l’utilizzo di EQUITON e in allenamento in Inghilterra a Newmarket presso le scuderie del trainer Hugo Palmer. Paul McCartan, Ballyphilip Stud, allevatore di Tiggy Wiggy 2014 Campione Europeo 2y/o. “ Avendo provato EQUITON su un piccolo numero di cavalli e visti gli ottimi risultati ottenuti, abbiamo deciso di utilizzare EQUITON su tutti i nostri soggetti di un anno come parte integrante della loro alimentazione. EQUITON aiuta a produrre animali sani e con un mantello di seta lucido ”. James Kelly, Linacre House Stud. “ Abbiamo usato EQUITON e posso dire senza esitazione che è semplicemente il migliore prodotto nella sua gamma che io abbia mai utilizzato, ha un positivo e immediato stimolo alla nutrizione anche con cavalli inappetenti. È stato enormemente utile con fattrici gravide prossime al parto e con puledri ”. Conor O’Dwyer, Trainer, Gold Cup & Champion Hurdle winning Jockey. “ Ho usato EQUITON per circa sei mesi e sono molto impressionato dei risultati ottenuti con questo prodotto. Io lo utilizzo molto con cavalli dopo il lavoro e noto in loro un recupero molto rapido ”. EQUITON è disponibile in confezioni da 1 e 5 litri. Troytown GreyAbbey per la distribuzione in Italia di EQUITON ha scelto EQUIFARMA per la sua maturata esperienza e professionalità. EQUIFARMA , nasce nel 1990 da una famiglia di farmacisti e può contare di un deposito logistico e di una rete di agenti, informatori e agenzie di vendita a livello nazionale, oltre a una vendita diretta nella propria sede di Monza. L’attività di distribuzione in campo veterinario da oltre un decennio si è ampliata con l’ingresso nel settore della GDO, in particolare per le forniture di medicinali veterinari, antiparassitari, alimenti secchi e umidi e articoli specialistici per cavalli, cani e gatti. EQUITON lo potete trovare da: Equi-Farma srl via Flavio Gioia , 10 – 22090 Monza Tel. 39 205 1016 mail: equifarmbox@yahoo.it > Oppure acquista EQUITON direttamente online sul nostro sito di e-commerce www.nonsolocavallo.it  

Il libro della settimana: Sdressage
Come rendere ingovernabile un buon cavallo.

Sdressage. di Daniela Piolini ed. Equitare Prefazione di Philippe Karl Attraverso una serie di illustrazioni raffinate e ironiche, abbinate a citazioni classiche, questo libro mostra al lettore gli effetti del cattivo addestramento del cavallo, frutto di pratiche quotidiane che non si ispirano più alla cultura tradizionale trasmessa dai Grandi Maestri, ma ricorrono ad un repertorio di trucchi tecnici che non rispettano né la psiche né il fisico dell’animale. Ecco quindi la storia di un ottimo cavallo che – a causa di questo modo incolto di intendere l’equitazione – diventa vittima dell’arrogante incapacità sia del proprio cavaliere che dell’istruttore. Riuscirà, alla fine, a liberarsi di loro?   > Acquista questo libro online sul sito www.nonsolocavallo.it    

Il cavallo nei Proverbi: "Cavallo ingrassato tira...
Tutti i Giovedì un nuovo proverbio

Riposo e ipernutrizione, oltre a erodere le capacità atletiche del cavallo, ne rinfocolano gl'istinti peggiori. Infatti "CAVALLO INGRASSATO TIRA CALCI" libero sfogo alle energie accumulate, con serio discapito per il cavaliere. Chi scrive ricorda il paterno ammonimento del suo primo istruttore, Ugo Menicanti, che raccogliendolo dopo un ruzzolone così lo ammaestrava: "Non montare mai né cavalli troppo giovani né cavalli fermi da troppo tempo". Sentenza tutta d'oro, di cui dovevo rammentarmi con tardivo rimpianto molti anni dopo, galoppando a grande andatura per un sentiero di campagna in sella a un purosangue di tre anni, un sauro di notevole mole, reduce da una lunga convalescenza dopo la castrazione; si trattava, è bene sottolinearlo, di un'iniziativa personale del puledro.   QUESTO PROVERBIO è TRATTO DAL LIBRO "IL CAVALLO NEI PROVERBI" Scritto da Tano Parmeggiani nel 1976 Edizioni Equitare. Il cavallo nei proverbi è una minuziosa raccolta di proverbi sui cavalli, argutamente commentati e ampliati da citazioni tratte da celebri opere di tutti i tempi. Accurata raccolta di proverbi sui cavalli in tutte le loro varianti anche regionali e talora straniere, non si limita a un mero elenco, ma si arricchisce di arguti commenti e di collegamenti, aneddoti, citazioni di opere famose antiche o più recenti. > Acquista il libro on line su www.nonsolocavallo.it a soli 15,99€

Rosmarino, Ortica, Origano…ecco la ricetta ad hoc per allontanare pulci e zecche!
Ecco Phytonopick il prodotto naturale di Union Bio contro pulci e zecche

Rosmarino, Ortica, Origano…ecco la ricetta ad hoc per allontanare pulci e zecche! I nostri amici a 4 zampe entrano spesso in contatto con pulci e zecche, parassiti che si trovano sia in città che in campagna, montagna e persino al mare, e che, se i nostri animali non sono ben protetti, possono causare qualche problemino, a volte anche grave! Cosa sono le pulci e le zecche? Le pulci sono insetti privi di ali, con delle zampe posteriori ben sviluppate e una bocca modificata per pungere e nutrirsi di sangue. Gli insetti adulti vivono sugli animali ospiti, dove si accoppiano producendo uova che cadono a terra e, una volta maturate, lasciano uscire una larva che darà origine ad un nuovo adulto. Queste larve si possono trovare ovunque, e solitamente prediligono zone buie e riparate. Le zecche sono invece aracnidi, che possono sopravvivere per lunghi periodi anche lontano dall’ospite animale. Salgono sui nostri amici a 4 zampe per nutrirsi di sangue e poi riscendono effettuando ogni volta una muta, che li condurrà fino all’età adulta, età nella quale, dopo un ulteriore pasto di sangue, le femmine deporranno le uova per dare origine ad un nuovo ciclo. Pulci e zecche sono pericolose? Si! Pulci e zecche possono essere pericolose per i nostri amici a 4 zampe per numerosi motivi! In animali molto piccoli, una carica parassitaria elevata può condurre ad anemia e persino a morte il cucciolo. Le pulci sono vettori di parassiti intestinali che sono all’origine di disturbi intestinali, ma anche di patologie più serie, come nel caso dell’emobartonella. Le zecche possono sottrarre molto sangue agli animali e in più sono portatrici di agenti infettivi causa di malattie molto gravi, come l’Ehrlichia e la Babesia. Cosa si può fare per proteggere i nostri animali? In commercio esistono numerosi prodotti creati appositamente per la protezione di cani e gatti, molti sono in forma di fialetta, da applicare sulla cute dell’animale, altri in forma di collare e altri ancora in forma di compressa da somministrare per bocca. Quando si scelgono questi prodotti bisogna, in primis, decidere se usare prodotti chimici o prodotti naturali, per poi selezionare la formula migliore per la nostra situazione, non escludendo la possibilità di integrare chimico e naturale, sempre sotto il consiglio del proprio medico veterinario di fiducia! E se volessi scegliere il naturale? Ad oggi sono molti i principi chimici a cui pulci e zecche si sono abituate e che, di conseguenza, risultano meno efficaci. Quando si parla di formulazioni naturali, abbiamo invece la possibilità di usare moltissimi principi attivi sinergici e a concentrazioni diverse, rendendo così unica la formulazione e rendendo meno facile a pulci e zecche la sensibilizzazione al formulato definitivo. PHYTONOPICK Union B.I.O. Union B.I.O. crea una serie di formulati unici e ricchi di principi attivi utili proprio a proteggere i nostri animali da questi ecto-parassiti. Gli oli essenziali usati sono numerosi e le concentrazioni sono utili allo scopo e sicure…infatti il “fa da te” può essere rischioso! PHYTONOPICK SHAMPOO : è uno shampoo unico, che, oltre ad agire sui parassiti presenti sull’animale, allontanandoli, riduce il prurito, spesso anche grave, causato da questi ultimi, dando sollievo al nostro amico. PHYTONOPICK FIALE : è una formulazione concentrata che può essere applicata in zone particolari come scapole, ascelle, cavo inguinale, per dare una protezione a tutto tondo ai nostri cani e gatti! PHYTONOPICK LOZIONE : è una lozione da portare sempre con se come rinforzo all’azione delle comuni fialette, in grado di creare una parabola protettiva giornaliera sul nostro 4 zampe. > Acquista Phytonopick Shampoo di Union Bio sul nostro sito www.nonsolocavallo.it > Acquista Phytonopick Fiale o Phytonopick Lozione sul nostro sito www.nonsolocavallo.it

Domani a Roma: Agility, Aquadog e i cani e i gatti più belli del mondo
Sarà la capitale ad ospitare domani sabato 18 e domenica 19 marzo Quattrozampeinfiera il più importante e divertente evento dedicato a micio e fido e ai loro padroni. Circa 30 razze di micio e fido più strane. Gare di abilità e bravura, DiscDog, CaniCross coreografie in aria, servizi, prodotti, spettacoli, gare, sport, eventi, shopping, formazione e informazione

Saranno circa trenta le razze di gatti e cani protagonisti questo weekend a Roma. Nella capitale, domani sabato 18 e domenica 19 marzo presso la Fiera di Roma è tutto pronto per Quattrozampeinfiera, la “due giorni pet friendly” più famosa d’Italia. Tra le varie razze, special guest Egyptian Mau , un esemplare rarissimo di gatto. Questo affascinante micio è chiamato anche Mau Egiziano e la leggenda narra che sia il vero gatto adorato appunto dagli egiziani. Lo si credeva dotato anche di poteri magici, e pare fosse il gatto preferito da Chepea, dea della creazione, perché sulla sua fronte è disegnato lo scarabeo sacro.   Ma non solo lui a Quattrozampeinfiera. Ci saranno anche tanti altri amici a quattrozampe. Un’esposizione di circa trenta razzeche offrirà la possibilità di osservare da vicino il variopinto mondo dei gatti e dei cani, di scoprirne le curiosità e le stranezze e di assistere alla proclamazione dei Best of Best selezionati da una giuria esperta. Un modo per fare la giusta informazione e capire quale razza è più adatta al proprio stile di vita.    A contendersi il titolo esemplari provenienti dai quattro angoli della terra, tra cui, per i cani sfilerà lo Bedlington Terrier   -  che ricorda vagamente una pecora - il  Dogue de Bordeaux - nato purtroppo per combattere ma oggi usato come cane da difesa e di famiglia -  e l’ Akita Americano  - il grande cane giapponese; mentre per i gatti il Maine Coon – il micione gigante dal cuore buono –  il Turco Van - che ama l’acqua – il Bengal – il gatto leopardo –  il Egyptian Mau – il gatto egiziano , una delle razza più antiche ad essere state allevate dall'uomo - lo Sphynx – il gatto senza pelo –  e il British – che ha dato il volto a “Il gatto con gli stivali”.     La rassegna e la competizione felina è a cura di Anfi e la doppia esposizione regionale cinofila – Enci -  è a cura del Kennel Club Roma e Gruppo cinofilo Viterbo . Nella due giorni, inoltre,  si terràil Campionato italiano di Toelettatura Sportiva individuale e a squadre CSEN.   Quattrozampeinfiera per questa tappa romana ha in serbo molto altro. Come lo spettacolo Les chats noires della compagnia Cafelulé, il suggestivo show di coreografie verticali. L’appuntamento è dedicato ai gatti neri, alla loro bellezza, carattere ed eleganza. Un appuntamento imperdibile, in programma 4 volte al giorno, dedicato alla danza contemporanea che si concentra nell’essenza del movimento felino regalando una suggestiva scenografia in movimento. Insomma, il 18 e il 19 marzo, sarà un meraviglioso weekend dedicato al padrone e al suo amico fidato per divertirsi insieme, giocare in acqua, correre all’aperto o fare shopping. Sono tante infatti le attività sportive organizzate a misura di quattrozampe: DiscDog, AquaDog, CaniCross e DogScooter by MyFootBike , AgilityDog .  E diversi i prodotti da acquistare direttamentedalle aziende più rinomate di pet food: accessori, prodotti per la salute, integratori, servizi innovativi e di tendenza.   Alla due giorni romana  seguiranno altre tre tappe: Milano, 10 e 11 giugno, Napoli, il 23 e 24 settembre e Padova, 11 e 12 novembre. ( www.quattrozampeinfiera.it ).   Quattrozampeinfier a è un evento unico nel suo genere, che anticipa le mode per soddisfare sempre le richieste degli utenti.  Un luogo in cui poter interagire con i player di settore per confrontarsi e migliorare la qualità della vita col proprio “amico peloso”. Organizzato da 5 anni dalla società Tema Fiere e pensato per essere a misura di cani e gatti. L’unico al quale partecipare col proprio amico fidato.   L’ingresso alla fiera per tutte e quattro le tappe è a pagamento. Prevendita on line € 7, scaricando il Buono Sconto dal sito Internet www.quattrozampeinfiera.it   € 8. Prezzo intero € 11. Ingresso gratuito per i bambini 0-10 anni, cani e gatti. Orari – Sabato e Domenica 10-19.   Per informazioni è possibile mandare una email info@quattrozampeinfiera.it telefonare al numero 0362 334242 o visitare il sito  www.quattrozampeinfiera.it PROGRAMMA E ATTIVITA’: http://www.quattrozampeinfiera.it/it/le-tappe/roma.html

Il libro della settimana: Quel sogno di partire a cavallo. Emozioni, incontri, note tecniche ed etiche.
Era quello di partire, di mescolarsi con l'odore nei caffè, di chiudere gli occhi semplicemente la sera e lasciarsi sprofondare nel sonno, di avere come casa un qualsiasi riparo... Un giorno fantasticai per un attimo di partire davvero e fu allora che me ne accorsi: partire volevo, ma a cavallo.

Quel sogno di partire a cavallo - Emozioni, incontri, note tecniche ed etiche Arianna Corradi Equitare Arianna Corradi fin da bambina ha coltivato un sogno. "Era quello di  partire, di mescolarsi con l'odore nei caffè, di chiudere gli occhi semplicemente la sera e lasciarsi sprofondare nel sonno, di avere come  casa un qualsiasi riparo... Un giorno fantasticai per un attimo di  partire davvero e fu allora che me ne accorsi: partire volevo, ma a cavallo." Questo libro è la storia di un viaggio in solitaria, lei e il suo cavallo Borbera, da Susa a Canterbury e ritorno. Quattro mesi di lento  spostarsi lungo la via Francigena, di incontri, di emozioni intense e  prove da superare. Un viaggio che è stato un'avventura di vita, un  momento di crescita personale. Un invito per tutti coloro che sognano, a partire veramente. Arianna Corradi, che all’epoca del viaggio aveva ventinove anni, vive e  lavora in provincia di Torino. È guida dell'Alpitrek, scuola di  equitazione alpina, e accompagna ogni estate "cavalieri avidi di  leggerezza" nelle Alpi Occidentali. > Acquista questo libro sul nostro sito www.nonsolocavallo.it

Cavallo sano con zoccolo sano: conosciamo Equiprofessional, grasso per lo zoccolo!
La cura e la protezione dello zoccolo sono molto importanti per la salute del tuo cavallo, quindi perchè non utilizzare i prodotti naturali di Union Bio?

Come è fatto il piede del cavallo? Il piede del cavallo è costituito esternamente dallo zoccolo, un’unghia paragonabile a quella dell’uomo, costituita da uno strato superficiale ed uno più profondo. Questa specie di scatola cornea racchiude ossa, tendini, cartilagini, vasi, nervi e cuscinetto digitale...tutte strutture che insieme vengono definite per l’appunto piede. Lo zoccolo serve solo a camminare? La funzione degli zoccoli non è esclusivamente quella della deambulazione, infatti la struttura del piede del cavallo è un’ottima macchina ammortizzatrice, che serve ad attutire i colpi col terreno durante l’attività dell’animale. Come mi accorgo se lo zoccolo è in salute? Uno zoccolo sano è uno zoccolo su cui l’animale poggia serenamente, senza alcuna esitazione! Ogni alterazione di forma o colore, nonchè la comparsa di segni particolari o atteggiamenti differenti nel nostro animale, devono farci pensare. Mantenere un piede sano è fondamentale per mantenere l’animale sano e viceversa! Come si può mantenere lo zoccolo sano? Molto importante è la stabulazione, infatti, se l’animale vive in box, è importante pulire quotidianamente il box applicando sulle pareti e sulla lettiera dei prodotti che mantengano costanti il tasso batterico e di umidità, evitando infezioni/infiammazioni podaliche ma anche respiratorie. Se l’animale vive all’aperto è opportuno prediligere terreni drenanti poco fangosi, e chiamare regolarmente un maniscalco che controlli i piedi del nostro cavallo. La pulizia quotidiana e la corretta alimentazione sono altre variabili da tenere in considerazione. Olio o grasso possono servire? D’estate il piede può andare incontro a disidratazione e perdita di funzionalità. Per evitare questa problematica è molto utile l’applicazione di olii o grassi, meglio se naturali e non su base chimica. Mentre durante l’estate il grasso andrebbe applicato dopo aver idratato il piede con un breve pediluvio, così da umidificare l’interno e creare successivamente una barriera protettiva dal caldo esterno, d’inverno è buona prassi applicarlo prima di docciare il cavallo, così da evitare l’eccessiva umidificazione. EQUIPROFESSIONAL , l’amico del piede! > Acquistalo qui Equiprofessional è un grasso balsamico utile per mantenere in salute il piede dell'animale! Equiprofessional di Union Bio è costituito da una base grassa naturale, utile a creare una buona barriera col mondo esterno, ed un mix di olii essenziali balsamici ad azione repellente, ma anche antibatterica ed antifungina. Tra questi oli essenziali rivestono una grande importanza quello di Melaleuca, ottima contro i funghi, e quello di Timo, validissimo contro la sovracrescita batterica! L’applicazione del grasso Equiprofessional una o più volte a settimana a seconda della stagione, della stabulazione e delle condizioni dello zoccolo, aiuterà il tuo animale a rimanere sano in modo naturale! > Acquista Equiprofessional di Union Bio sul nostro sito www.nonsolocavallo.it

Il cavallo prova dolore? Potrebbe aver bisogno di una mano. Aiutiamolo con i prodotti naturali UNION BIO.
Il dolore nel cavallo può innescare una serie di meccanismi a cascata che possono diventare deleteri per la sua salute.

Negli ultimi anni, la sensibilizzazione dei proprietari degli animali verso il dolore ed una sempre maggiore specializzazione e possibilità diagnostica veterinaria, ha fatto sì che il controllo del dolore diventasse uno degli obiettivi primari da trattare per il benessere degli animali. Si è sempre stati abituati a pensare al dolore semplicemente come un fenomeno sensoriale, ignorando il fatto che spesso un danno ed il dolore che da esso ne deriva, sono responsabili di una alterazione dei sistemi di regolazione omeostatica e fisiologici normalmente presenti nell'organismo. Nel caso di danno importante e quindi di dolore severo o cronico, l'organismo viene allertato da una serie di informazioni, per compensare, ed adotta comportamenti vicari reclutando gruppi muscolari diversi per sottrarre il segmento scheletrico interessato o muscolotendineo al dolore. Traumi, dolore, gonfiore, tensione muscolare, causano asimmetria alla spina dorsale con conseguente affezione dell'equilibrio e della performance stessa. La difficoltà di riconoscere stati algici in questi individui non verbalizzanti si è spesso scontrato con un abuso di analgesici di tipo tradizionale con sgraditi effetti collaterali. Da qui l'attenzione della comunità scientifica veterinaria verso "rimedi fitoterapici" supportati da ricerca scientifica con risposte valide e poche controindicazioni. Allo stato di dolore fa seguito uno stato di stress, associato ad insonnia e inappetenza che innescano meccanismi a cascata che l'organismo mette in atto per arginare il danno con una serie di reazioni nervose, ormonali e comportamentali che finiscono per diventare deleterie. Inizia una serie di eventi che partono dal rilascio di adrenalina nel torrente circolatorio, con attivazione del sistema simpatico, che allo scopo di favorire una migliore irrorazione degli organi vitali, stimola il sistema cardiocircolatorio con modificazione a carico dei visceri. Entro pochi secondi dal danno vengono rilasciate citochine (gamma interferone, interleuchina 1 e 6 tumor necrosis factor) che attivano una serie di reazioni biochimiche che conducono al rilascio di glucosio, necessario per far fronte al danno, per la rimozione dei detriti, per la riparazione dei tessuti e talvolta per l'innalzamento termico, utile a distruggere batteri ed altre sostanze estranee. Allo stesso tempo la percezione del danno attiva l'asse ipotalamico-ipofisario-surrenalico con produzione di ormone rilasciante la corticotropina (CRH) nell'ipotalamo e conseguente rilascio di ormone adrenocorticotropo corticotropina (ACTH) e di altre sostanze da parte dell'ipofisi. L'ACTH stimola le surrenali a rilasciare cortisolo, ormone essenziale per la sopravvivenza dopo un insulto, in quanto responsabile del mantenimento dei livelli adeguati di glucosio, fondamentali per una rapida risposta al dolore. Come rimediare quindi ai dolori del proprio cavallo? Naturale? Si può! Green Dol Act di Union BIO è un ottimo complemento alimentare liquido per cavalli a base di estratti vegetali sinergici tra loro con un effetto globale e superiore alla sommatoria degli effetti dei singoli componenti. L'attività modulata e coadiuvante di Green Dol Act agisce, sin dalla fase d'esordio a quella finale di assorbimento, con un tropismo funzionale organico. Quando la concentrazione dei neutrofili è bassa, l'organismo è più vulnerabile alle infezioni, in particolare a quelle batteriche. Le erbe agiscono sull'organismo con un'azione di tipo essenzialmente energetico integrando una quota aggiuntiva di nutrienti adatti a bilanciare la carenza eventualmente presente. Attività dei principi attivi di alcune piante presenti nel formulato Green Dol Act come da letteratura scientifica: Calendula: cicatrizzante, emolliente, antispasmodica, analgesica. Chiodi di garofano: antisettico, analgesico, antibatterico e spasmolitico. Echinacea: immunostimolante, antinfiammatoria, cicatrizzante, antibatterica. Menta: antisettico, rinfrescante, antispasmodico, analgesico. Rosmarino: migliora la circolazione del sangue e aiuta soprattutto nella stanchezza e nei cali d'umore. Riequilibria e disintossica il fegato, organo che risente maggiorente delle tensioni e dello stress. I flaconi Green Dol Act possono agire da soli o come potenziatori di altri rimedi. Green Dol Act non contiene coloranti ed estratti animali ma solamente il fitocomplesso attivo e polivalente MATRICE U.B.® frutto della ricerca scientifica Union B.I.O. >> Acquista Green Dol Act di Union Bio sul sito www.nonsolocavallo.it

Il libro della settimana: Romanzo per uomini soli a cavallo
Narra un'antica leggenda portoghese che tutte le cavalle della penisola iberica vengono sulla scogliera per farsi fecondare dal vento dell'Oceano...

Romanzo per uomini soli a cavallo. di Sem Petrucci Editore: Equitare Per chi ama i racconti di viaggi, questa storia è esemplare: da un lato vi è lo spirito d’avventura del protagonista, il giovane Marcello, dall’altro gli imprevisti che gli piovono addosso a causa della sua sbadataggine e imperizia. «... Narra un’antica leggenda portoghese che tutte le cavalle della penisola iberica vengono sulla scogliera per farsi fecondare dal vento dell’Oceano, poi, col seme del vento nel ventre, tornano ai loro pascoli e lì partoriscono dei puledri veloci e infaticabili come quel vento che arriva impetuoso dall’immensità dell’acqua...». Di qui parte Marcello per un viaggio solitario, con la compagnia di Ulla e di Brillante, i suoi cavalli, che, attraverso l’Europa, lo ricondurrà nella sua Toscana. Un viaggio durante il quale molto imparerà dai sui cavalli e dagli uomini che incontrerà lungo il cammino. Un viaggio attraverso il quale sarà accompagnato sempre dalla presenza di un messo papale vissuto quattrocento anni prima di lui, il Confalonieri. Uno spirito guida che è co-protagonista, anzi: dovrebbe esserlo, ma giganteggia sulla scena fin dall’inizio del racconto, la occupa di prepotenza, fa di Marcello, di Ulla, di Brillante, gli strumenti docili per mezzo dei quali, finalmente, riesce a plasmare il tempo, «soffio senza fine che trasporta pochi ricordi». La sua è una forza irresistibile che si impadronisce del giovane per godere della sua ansia, della sua inquietudine e del suo coraggio. E per poter assaporare la sua grandiosa piccola presenza dalla propria insignificante assenza destinata all’eterno. Così le vere ragioni del viaggio diventano le sue: il desiderio di tornare a partire per rincorrere un sentiero lontano e scomparso; diventano quelle di chi il viaggio l’ha narrato trasfigurandolo in un andare della mente e dello spirito, disegnando «una via nuova, secondo antichi criteri».   > Acquista il libro on line su www.nonsolocavallo.it

Equitrauma, di Union BIO, è un aiuto unico e naturale per i traumi del cavallo.
Le contusioni comportano infiammazioni, rottura dei capillari ed eventuali compromissioni dei tessuti. Come aiutarlo?

Capita molto frequentemente che un cavallo, in seguito ad allenamenti, gare o situazioni particolari, possa andare incontro ad un trauma. Il trauma comporta infiammazione della zona interessata, con rottura di capillari e versamento di sangue, oltre ad eventuali compromissioni dei tessuti circostanti e/o della conduzione nervosa. La zona interessata dal trauma appare gonfia, calda e dolente, a volte alla pressione, a volte anche solo in corso di deambulazione. Come si ripara fisiologicamente un trauma? Il trauma segue un meccanismo di riparazione ben preciso, che prevede una fase di infiammazione, in cui l’organismo cerca di limitare i danni e trasportare via le cellule danneggiate, quella di proliferazione, in cui l’organismo crea delle nuove strutture tampone per facilitare la pulizia dell’area e portare sufficiente sangue nella zona, ed infine quella di rimodellamento in cui l’organismo cerca di riportare alla sua condizione iniziale il tessuto che ha subito il trauma. Cosa possiamo fare se il nostro cavallo ha subito un trauma? E’ fondamentale, prima di pensare a cosa fare, individuare la vera causa del problema e, se non siamo in grado di farlo, rivolgersi ad un medico veterinario esperto che possa individuare quale sia il reale problema dell’animale. Una terapia appropriata dovrebbe comunque limitare l’emorragia e la fuoriuscita di liquidi nei tessuti circostanti, alleviare il dolore dell’animale, favorire i meccanismi fisiologici di riparazione e, cosa fondamentale per il recupero completo, evitare la formazione di aderenze e contratture. E se il trauma è di notevole entità? Se il trauma non è banale, esistono specialisti e strutture apposite a cui potersi rivolgere! Esistono per esempio esperti osteopati che potranno trattare l’animale in loco, o strutture specializzate dove svolgere pratiche fisioterapiche come il water treadmill (tapis roulant in acqua), e molto altro ancora. In seguito ad un trauma risulta infatti molto importante affidarsi a degli esperti per poter recuperare al meglio il nostro cavallo.   NATURALE SI Può… IL CONSIGLIO DI UNION BIO: EQUITRAUMA , un aiuto dalla natura! Equitrauma è un gel a base di Arnica montana che determina una riduzione di infiammazione e dolore, oltre ad essere un valido aiuto in caso di ecchimosi (rotture di vasi), mentre l’ Acacia ha proprietà astringente, antisettica ed antinfiammatoria. EQUITRAUMA di Union BIO va applicato sulla zona interessata dal trauma tutti i giorni e massaggiato fino a completo assorbimento. Equitrauma è un prodotto naturale indicato per muscoli, tendini e articolazioni, anche in caso di ematomi ed edemi, per ridurre la sintomatologia e i tempi di recupero dell’animale! >> Acquista il prodotto Equitrauma di Union BIO sul sito www.nonsolocavallo.it  

Dolorini e doloretti? Il cane può aver bisogno di una mano. Aiutiamolo con i prodotti naturali di Union BIO
Anche i cani sentono dolore: che sia per malanni di stagione, per urti maldestri o affanni dovuti all'età

Spesso pensiamo che i nostri cani siano delle macchine indistruttibili e che non sentano dolori di stagioni o che, magari correndo un po’ troppo, o sbattendo maldestramente contro qualcosa, non sentano dolore o non sviluppino ematomi od edemi! Eppure anche loro provano dolore e vanno incontro ad edemi post traumatici, ad infiammazioni, doloretti legati all’età, ma spesso hanno una soglia del dolore più alta della nostra, e tendono a mascherare fino in fondo il problema! Come ci si accorge se il cane ha qualche dolore? Se il nostro animale, normalmente attivo e giocherellone, tende a rimanere troppo nella cuccia, probabilmente sta soffrendo; se assume posizioni strane, tenendo per esempio una zampa allungata, o sedendosi in modo diverso dal solito, forse lo fa per dolore; se si rifiuta di salire le scale o di saltare all’interno della macchina, forse ha problemi alle zampe posteriori; se lo tocchiamo e si lamenta, oppure ci ringhia, forse sta soffrendo! Ogni qual volta ci accorgiamo di qualcosa di anomalo nel suo atteggiamento, dobbiamo pensare ad un eventuale dolore! Negli animali anziani i dolori articolari si fanno sentire come negli uomini, ed infatti i nostri cani spesso zoppicano, non corrono più come prima, ci sembrano meno attivi del normale… Cosa fare se ci accorgiamo che il nostro cane ha dolore? Sicuramente è necessario rivolgersi al proprio medico veterinario di fiducia per esaminare l’animale e capire la causa di questi fastidi. Se la causa è imputabile all’età, gli approcci possono essere molteplici a seconda dell’animale e dell’intensità del dolore. Sicuramente sarà necessario effettuare una terapia interna antinfiammatoria/antidolorifica, che potrà essere chimica o naturale (ad esempio un’arnica composita omeopatica, oppure dei cicli di Boswellia e Artiglio del diavolo, sempre sotto controllo veterinario), evitare sbalzi di temperatura e corse sfrenate, e se l’animale è sovrappeso, sarebbe sicuramente utile farlo dimagrire un pochino! Se il dolore è articolare, post traumatico o post chirurgico, o semplicemente legato all’età, possiamo utilizzare dei principi attivi antinfiammatori/antidolorici anche localmente, così da ridurre gli eventuali effetti collaterali sistemici e agire tempestivamente e in modo mirato sul problema! TRAUMA DOG , una risposta naturale! Trauma dog è un gel a base di Arnica e Artiglio del diavolo, piante con note proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche ed antiedemigene! Trauma dog può essere spalmato sulla zona interessata anche più volte al giorno, anche in presenza di pelo, poiché si assorbe facilmente e velocemente! Con qualche carezza e la giusta combinazione di piante, quindi con Trauma Dog di Union BIO è possibile donare sollievo anche ai nostri amici a 4 zampe! Perché non farlo allora? >>Acquista Trauma Dog di UNION BIO sul sito www.nonsolocavallo.it

Il Basto, questo sconosciuto: cos'è, com'è costruito, come sceglierlo.
Oggi si sente spesso parlare di turismo someggiato, ma pochi sanno come bardare correttamente un animale da soma, scegliendo il basto più adatto e sapendo come caricarvi il materiale da trasportare. Descrizione estratta dal libro di Gabriella Burlazzi "Scritti D'Asino", Equitare, 2015.

Il portabagagli Tra le persone c’è chi viaggia col trolley e chi parte con lo zaino. Chi usa una valigia rigida e chi un ampio borsone. Qualcuno porta con sé solo una sottile “ventiquattrore” e qualcun altro un capiente marsupio. Situazioni diverse, necessità differenti e preferenze personali indirizzano la scelta. Immagino che nessuno gradirebbe appallottolare eleganti abiti stirati in uno zaino, così come si sentirebbe ridicolo trascinando una valigia rigida lungo un sentiero di montagna. Il buonsenso e la situazione specifica suggeriscono la soluzione migliore. Se volete far portare un carico al vostro animale da soma dovete utilizzare un basto. E, anche in questo caso, valutare la situazione e usare il buonsenso. Se ci tenete alla salute del vostro compagno portatore e se volete evitare di dover prendere il suo posto e caricarvi voi in spalla il bagaglio, rotolato a terra, è indispensabile che abbiate una buona conoscenza di cos’è e come è fatto un basto. Pur concettualmente simili, in quanto foggiati per adeguarsi alla morfologia dell’animale, esistono vari tipi di basto che differiscono in funzione di alcuni aspetti fondamentali: - l’impiego a cui sono destinati - il tipo di percorso - la taglia dell’animale - i materiali - la tradizione locale. Il tipo di impiego influisce sulla struttura che deve avere il basto riguardo a peso, stabilità e robustezza e determina il tipo di accessori di cui deve essere corredato. Innanzitutto si deve distinguere tra un basto da lavoro e un basto per piccoli carichi. Per un carico ridotto, quale il bagaglio necessario per un breve trekking, può andar bene un bastino leggero, dalla struttura essenziale che consenta di appoggiare e fissare saldamente un borsone, una tenda, uno zaino. Sull’onda del crescente interesse per gli asini e di fronte al diffondersi dei cosiddetti trekking someggiati, si è prontamente attivato un correlato mercato di settore e ora in commercio si possono trovare basti e bastini, prodotti più o meno validi, di ogni peso, foggia e persino colore! Se siete degli aspiranti someggiatori è molto importante che, all’atto dell’acquisto del basto, sappiate valutare in base alla conoscenza e al buonsenso, scegliendo il modello adatto alle vostre effettive necessità, anziché venire influenzati dalle mode del momento. Inoltre dovrete ricordarvi che sarà il vostro asino a doverlo portare, e tener presente che un basto scadente, o di dimensioni inadatte, di sicuro gli causerà dolore e fiaccature, ma anche danni più seri dovuti all’assetto sbilanciato o alla pericolosa compressione su regioni anatomiche delicate. Scegliete per lui il miglior basto che riuscite a trovare: a lui farete risparmiare inutili dolori e voi risparmierete su medicamenti e cure! Infine è bene tener presente che un basto leggero non deve essere usato per trasportare carichi pesanti, mentre non vale il contrario, ossia nulla vieta di impiegare un basto da lavoro e caricarlo poco! Se si trasportano carichi pesanti, il basto deve essere molto robusto e stabile e avere una struttura preferibilmente rigida, indeformabile, per evitare che il carico posizionato sui fianchi dell’animale gli possa comprimere il torace, ostacolando la respirazione. Un basto da lavoro è fornito di accessori specifici che consentono di contenere, sorreggere, fissare il carico. Essi cambiano a seconda che si tratti di trasportare materiale sciolto, che va contenuto (ad esempio sabbia, uva), o elementi lunghi, che vanno sorretti e fissati (ad esempio tronchi di legna), o materiali voluminosi, che vanno legati (ad esempio fieno), o materiali che richiedono supporti particolari (ad esempio grosse forme di formaggio, bidoni di latte, piccoli kayak), o che vanno protetti (bagagli di un viaggiatore o strumentazioni di un ricercatore). Il basto è provvisto di fori, ganci, anelli e secondo le necessità si impiegano cassette, ceste, borsoni, mensole in ferro, fisse o ruotabili. Per caricare il materiale vi sono precise tecniche, come quelle per issare tronchi di legna sui muli, messe a punto con anni di tramandata esperienza dai mulattieri impegnati negli esboschi in montagna. Importanti sono anche particolari tipi di legatura, come la “susta”, una corda impostata come un sottopancia, ma posta al di sopra del carico, finalizzata a trattenere carichi voluminosi. La difficile costruzione di questi basti da lavoro rimane di tipo artigianale, affidata alle poche maestranze ancora in grado di fabbricarli. Il tipo di percorso influisce sui finimenti del basto, che servono a garantirne la stabilità anche a “pieno carico”. Gli elementi fondamentali, che sempre devono essere presenti, sono il sottopancia, che posiziona il basto e ne impedisce il ribaltamento per rotazione laterale, il pettorale e la braga e/o sottocoda che trattengono il basto quando tende a traslare rispettivamente indietro, in salita, o in avanti, in discesa. In certi modelli è adottato un secondo sottopancia, a garanzia di una maggiore sicurezza. Ovviamente in un percorso con salite e discese, o su terreni accidentati ove l’andatura dell’animale non può essere regolare, il basto subisce delle forti sollecitazioni e per rimanere fermo e stabile i suoi finimenti devono essere quelli giusti, avere una sufficiente resistenza e venire adeguatamente regolati. Pertanto, nella valutazione di un basto, è importante verificare anche la loro qualità. Mi è capitato di vedere asinari impiegare un unico elemento, spostandolo al bisogno ora con funzione di pettorale, ora di braga. E, con altrettanto disappunto, ho visto asini scendere da pendii a passetti cortissimi, con il movimento delle gambe anteriori impedito da pettorali fissati troppo in basso e inutilmente tirati. La dimensione del basto è determinata dalla taglia dell’animale: un asinello non potrà portare il basto di un cavallo di grossa taglia, e viceversa. La struttura, o telaio, del basto dovrà essere adeguata alle misure dell’animale. A parità di taglia esistono comunque differenze di tipo morfologico tra un animale e un altro: una groppa dal profilo più o meno spiovente, un ventre dalla rotondità più o meno accentuata. Anche la forma di uno stesso individuo può variare nel tempo. Se il basto è provvisto di uno spesso cuscino, sarà questo che ricalcherà, in negativo, la forma della schiena dell’animale, adattandosi a essa e fornendo così un’ottima base di appoggio; intervenendo sulla sua imbottitura sarà possibile compensare variazioni che dovessero eventualmente presentarsi (solitamente succede quando si acquista un basto per un asino che è ancora in crescita, ma può anche capitare che un asino ingrassi o dimagrisca). Nella costruzione di un basto vengono impiegati più materiali. Questi variano sia in base alla reperibilità in loco, sia in base alle capacità specifiche dell’artigiano e dipendono dall’uso cui il basto è destinato. Anche il costo influisce sulla scelta. Nei Paesi del mondo ove permane un tradizionale impiego dell’animale da soma, fogge e materiali variano molto da una realtà a un’altra. E in una stessa regione impieghi diversi comportano materiali diversi: i basti militari hanno struttura in ferro e legno, mentre i basti impiegati dai pastori sulle Alpi hanno struttura in legno, solitamente di faggio. Anche i materiali impiegati per il cuscino variano a seconda della disponibilità: se tradizionalmente per la fodera si utilizzavano teli di canapa o cotone e per l’imbottitura paglia e crine, oggi il più delle volte questi materiali di difficile reperibilità sono sostituiti da materiali sintetici o di minore costo. I finimenti in genere sono realizzati in cuoio, che deve essere robusto e morbido, ma in alcune zone dei Paesi poveri, il cuoio è sostituito da materiali di recupero, come gomma o nylon. La qualità dei materiali utilizzati, la conoscenza delle loro caratteristiche e la perizia con cui vengono lavorati e poi impiegati, concorrono a fare di un basto un buon manufatto o un manufatto scadente, che potrà rovinarsi presto, rompersi e, aspetto ancor più grave, provocare malessere o danni anche seri all’animale che lo deve portare. Scritti D'Asino Questo libro contiene una storia, speciale ed esclusiva. Come tutte le storie in cui un uomo e un animale decidono di diventare amici. Il libro "Scritti d'Asino" è acquistabile on line sul sito www.nonsolocavallo.it Formato del libro 15x21 cm Illustrato Pagine 152 Postilla Nell'affrontare un trekking, soprattutto se impegnativo, è necessario che il nostro amico a quattro zampe sia adeguatamente allenato, lo stesso vale per noi. Durante il cammino è buona norma concedergli 10-15 minuti di riposo ogni 1,5-2 ore di marcia e una sosta di un'ora dopo 4-5 ore. Durante la sosta di un'ora si potrà scaricare il carico, ma è meglio non togliere il basto. Si approfitti della pausa per controllare che basto e finimenti non stiano provocando fiaccature e lesioni all'animale. La durata giornaliera ammissibile per il cammino dipende dal tipo di percorso, ossia dalle caratteristiche del terreno sul quale si procede (asfalto, mulattiera, terreno naturale morbido, terreno roccioso, ecc.) e dai dislivelli da superare, sia in salita che in discesa; dipende inoltre dal peso del carico, dall'età e dallo stato fisico dell'animale e dalle condizioni degli zoccoli ( e dei ferri, se presenti) . Infine è importante tener conto delle condizioni atmosferiche: sebbene gli asini sopportino molto bene il caldo, è meglio evitare di camminare nelle ore afose, soprattutto se il percorso non gode di ombra.

Osservatorio Quattro Zampe in Fiera: un'indagine in Italia dimostra che gli animali domestici vivono in salute
I padroni utilizzano cibo consigliato (oltre il 70%) e si affidano, più di due volte l'anno (70,51%), ai consigli del veterinario. Il 74% non soffre di intolleranze alimentari. E' boom anche per l'igiene

In Italia 1 persona su 3 ha un “animaletto” in casa, il 63% possiede un cane, il 41% un gatto e a seguire pesci, tartarughe e uccellini. E sono tanti i pet lovers che amano prendersi cura del proprio amico peloso. Tema Fiere, la società che da 5 anni organizza con crescente successo Quattrozampeinfiera , la “due giorni pet friendly” più famosa d’Italia, ha lanciato un’interessante iniziativa: l’ Osservatorio Quattrozampeinfiera . Attraverso le indagini si andrà ad approfondire i comportamenti d’acquisto e le necessità dei proprietari di cani e gatti, cercando di far emergere le diverse esigenze e facilitando l’incontro tra domanda e offerta. Nella seconda ricerca dell’Osservatorio il cibo gioca un ruolo molto importante nel rapporto padrone – fido/micio. Gli Italiani non amano nutrire il proprio gatto o cane con cibi casalinghi ma utilizzano alimenti consigliati dai veterinari (oltre il 70%). Inoltre, prediligono il cibo secco rispetto al cibo umido (93%), non comprano integratori ma snack per gatti o snack per cani (86%) e spendono meno di 100 euro al mese (76%).   I pet friendly si affidano, più di due volte l’anno (71%), alle parole del veterinario per il benessere psicofisico del proprio animale. In questo modo l’amico a quattro zampe vive una vita salutare senza allergie o intolleranze. Il 74% infatti non soffre di disturbi alimentari. Inoltre, se il padrone è fashion addicted lo diventerà facilmente anche il suo amico peloso: il 34% degli italiani spende fino a 70 euro l’anno per guinzagli all’ultimo grido, collari scintillanti, cappottini di pelliccia e strass e ossa personalizzate col nome rosa o azzurro. E’ boom anche per la pulizia: l’86% porta il proprio cane o gatto dal toelettatore una volta al mese. Su questi dati e su altri che verranno forniti più avanti, sta per aprire i battenti Quattrozampeinfiera con tante novità. Un format vincente che quest’anno sarà ancora più ricco: il 2017 si presenta al pubblico con ben 4 tappe: Padova, Milano, Napoli e per la prima volta, Roma. Sarà la capitale ad ospitare per prima il più importante e divertente evento dedicato a cani, gatti e padroni alla Fiera di Roma il 18 e 19 marzo. Tante le novità che verranno inserite in questa fiera che cresce, come cresce la notorietà e la credibilità in Italia. Non è la solita manifestazione con esibizioni di Fido e Fuffy in passerella ma un mix di animal-cultura a 360 gradi. Una manifestazione in cui novità di settore, consigli di esperti, campi sportivi, spettacoli, momenti di socializzazione e divertimento fanno da padrone. Sarà possibile cimentarsi gratuitamente con i propri cani in tante attività sportive a misura di quattrozampe: DiscDog, AquaDog, CaniCross, DogScootering, DogDance, DogAgility, Retrieving, Junior Handling, RallyObedience, SheepDog. Per chi non ha ancora le idee chiare su quale amico scegliere e accogliere nella propria casa, potrà interfacciarsi con gli allevatori di cani e gatti, o strutture ricettive atte ad ospitare cani da adottare. Infine sul Carpet Show si potrà assistere o partecipare in prima persona agli innmerevoli spettacoli e attività organizzate ad hoc. Tanti i prodotti da acquistare direttamente dalle aziende più rinomate di pet food, accessori, prodotti per la salute, integratori, servizi innovativi e di tendenza. Alla due giorni romana  seguiranno altre tre tappe: Milano, 10 e 11 giugno, Napoli, il 23 e 24 settembre e Padova, 11 e 12 novembre. Quattrozampeinfiera è un evento unico nel suo genere, che anticipa le mode per soddisfare sempre le richieste degli utenti.  Un luogo in cui poter interagire con i player di settore per confrontarsi e migliorare la qualità della vita col proprio “amico peloso”. Organizzato da 5 anni dalla società Tema Fiere e pensato per essere a misura di cani e gatti. L’unico al quale partecipare col proprio amico fidato. Per informazioni è possibile mandare una email info@quattrozampeinfiera.it telefonare al numero 0362 334242 o visitare il sito  www.quattrozampeinfiera.it Acquista alimenti umidi e alimenti secchi per i tuoi animali su www.nonsolocavallo.it >> Puoi acquistare cibo secco per cani sul sito www.nonsolocavallo.it >> Puoi acquistare cibo umido per cani sul sito www.nonsolocavallo.it >> Puoi acquistare cibo secco per gatti sul sito www.nonsolocavallo.it >> Puoi acquistare cibo umido per gatti sul sito www.nonsolocavallo.it

Muco e stranuti? Il sollievo per il cavallo arriva dalla natura, grazie ai prodotti UnionBIO
Dato l'arrivo dell'inverno, anche i cavalli si ritrovano ad affrontare il freddo. Cosa fare se il cavallo è raffreddato?

Con l’arrivo dell’inverno, anche i cavalli si trovano ad affrontare il raffreddore: il freddo, il vento, la pioggia e l’umidità sono tutte condizioni che ne mettono a rischio il benessere, esponendoli spesso a patologie da raffreddamento, così come accade a noi animali umani! Bronchiti, trachiti, sinusiti, faringiti e laringiti, sono infatti molto frequenti nei cavalli che trascorrono l’inverno all’aperto, soprattutto se non abituati o non appartenenti a razze autoctone adattate. Tra i sintomi che possiamo notare nel corso di queste problematiche, abbiamo sicuramente la tosse, dovuta alla ridotta capacità di espellere il catarro, riduzione delle performance, difficoltà respiratorie soprattutto durante e post lavoro, con eventuale scolo nasale. Cosa fare se il nostro cavallo è raffreddato? Ai primi sintomi di malanno, anche se blandi, è importante chiedere consiglio al proprio veterinario di fiducia, per agire tempestivamente, evitando la cronicizzazione della patologia. Raffreddore e tosse nel cavallo: un valido aiuto dalle piante Da sempre usate per le loro proprietà curative, le piante possono essere d’aiuto in molti casi, incluse le patologie respiratorie.  Non prive di effetti collaterali, devono essere usate con cautela, alle giuste concentrazioni e, non meno importante, con le più utili combinazioni! Naturale? Si può con Union B.I.O. Union B.I.O. da anni impegnata nello studio delle piante e delle loro proprietà, crea una linea completa di prodotti naturali per facilitare la respirazione dei nostri animali! PNEUMO VENT è uno sciroppo balsamico decongestionante delle vie aeree. Grazie al Timo, ottimo spasmolitico e sedativo della tosse, alla lavanda, analgesica e antisettica e a molti altri principi, può essere utilizzato in caso di tosse, scolo nasale e disturbi respiratori, sia da solo che in associazione a terapie. Come preventivo e coadiuvante può essere somministrato una volta al giorno nel cibo o direttamente in bocca, mentre in casi più particolari, può essere somministrato 2-3 volte nella giornata. > acquista on line Pneumo Vent PNEUMORESP dual act è un fitoregolatore delle vie respiratorie da usare in aerosol. L’aerosol aumenta l’assorbimento dei principi attivi permettendogli di agire in modo più rapido e completo proprio sulle vie respiratorie! Grazie a Tarassaco, Timo e Melaleuca aiuta rapidamente a dare sollievo al nostro animale. Una volta diluito in soluzione fisiologica, può essere somministrato con le comuni macchine per areosol. > acquista on line Pneumo Resp PNEUMO GO è un mangime complementare fluidificante e drenante. Aiuta il cavallo a respirare e ne ottimizza la performance. Con l’aiuto del tarassaco, della betulla e del ginepro, può essere utilizzato prima di gare o sforzi prolungati, o come mantenimento in animali anziani. > acquista on line Pneumo Go   >> Acquista tutti i prodotti Union BIO su www.nonsolocavallo.it

Il libro della settimana: "La sella giusta. Per il benessere di cavallo e cavaliere"
Come scegliere la sella senza commettere errori

La sella giusta. Per il benessere di cavallo e cavaliere. di Christine Lange Ed. Equitabile. Per non giungere impreparati all'acquisto della sella è utile avere già un'idea dell'uso che vogliamo farne. Questa guida spiega come sceglierla pensando al benessere del cavallo, per evitargli fastidi o veri e propri guai. Fornisce tutte le nozioni di base sulla struttura della sella e sulla sua fabbricazione, sui differenti modelli e gli accessori, non tralasciando alcuni cenni storici e curiosità. Suggerisce infine tanti utili accorgimenti per il suo uso e manutenzione. Sono sempre più numerose le persone che si avvicinano all'equitazione e i proprietari di cavalli che nel tempo libero scelgono di occuparsi personalmente del benessere dei propri compagni di passeggiate o di sport, siano essi tenuti vicino casa o presso un maneggio. Le GUIDE PRATICHE, facili ma non semplicistiche, illustrano i problemi più comuni che un proprietario deve valutare e risolvere: da come e dove alloggiare il cavallo a come prevenire disturbi e malattie, utilizzare il van per il suo trasporto, scegliere la sella e così via. Affrontano inoltre quegli aspetti pratici che spesso creano ansia e preoccupazione: come cavalcare senza paura, come viaggiare a cavallo, come correggere i piccoli vizi del cavallo.   > Acquista subito online questo libro su www.nonsolocavallo.it

Il cavallo nei Proverbi: "Balzano da tre...
Tutti i Giovedì un nuovo proverbio

"BALZANO DA TRE CAVALLO DA RE" Sembra che sull'eccellenza di queste marche tutti siano d'accordo: ogni allevatore dovrebbe conservare soltanto i puledri decorati da tre balzane affogando o svendendo gli altri. In effetti, a questa élite appartiene, oltre agli ottimi Brantome e Botticelli, il massimo capostipite del thoroughbred, Darley Arabian. Beninteso, innumerevoli altri cavalli nella storia del turf avranno presentato la regale caratteristica delle tre balzane: come nei casi precedenti, ci siamo limitati a citare alcuni fra quelli di cui avevamo sott'occhio i ritratti.   QUESTO PROVERBIO è TRATTO DAL LIBRO "IL CAVALLO NEI PROVERBI" Scritto da Tano Parmeggiani nel 1976 Edizioni Equitare. Il cavallo nei proverbi è una minuziosa raccolta di proverbi sui cavalli, argutamente commentati e ampliati da citazioni tratte da celebri opere di tutti i tempi. Accurata raccolta di proverbi sui cavalli in tutte le loro varianti anche regionali e talora straniere, non si limita a un mero elenco, ma si arricchisce di arguti commenti e di collegamenti, aneddoti, citazioni di opere famose antiche o più recenti.   > acquista il libro on line a soli 15,99€

Almo Nature Love Food: la riserva alimentare che distribuisce un milione di pasti a cani e gatti
Ogni anno vengono aiutati quegli animali che vivono situazioni di emergenza: rifugi, famiglie in difficoltà, cani da guardia.

Love-Food è la riserva alimentare europea di Almo Nature che distribuisce ogni anno un milione di alimenti per cani e gatti che vivono situazioni di emergenza: rifugi, famiglie in difficoltà, cani da guardia. Almo Nature ha donato, e dona tuttora, grandi quantità di cibo umido e cibo secco ai diversi comuni italiani che richiedono aiuto, come già successo ad esempio con i comuni di Peschiera Borromeo, Pisa e Cecina. Generalmente lavorano in collaborazione con l'associazione GAIA Animali & Ambiente , partner in Italia dell’azienda, e con le diverse associazioni ambientaliste dei vari comuni. “Siamo sempre disponibili” commenta Pier Giovanni Capellino, il fondatore e presidente di Almo Nature “e rispondiamo come possibile ai diversi appelli che ci arrivano da tutta Italia. Senza a L more infatti il nostro petfood non avrebbe ragione di essere. Per questo Almo Nature ha creato a L more Love-Food , la riserva alimentare per i cani e i gatti che vivono situazioni di emergenza.” Di seguito, un piccolo video di Almo Nature intitolato " Cat's Land. Dal Loro Punto di vista " che mostra come il gatto sia curioso, giocherellone e sempre attento. >> Acquista gli alimenti secchi e umidi scegliendo tra le diverse linee di Almo Nature sul nostro sito www.nonsolocavallo.it >> Acquista il cibo secco Almo Nature per gatti sul sito www.nonsolocavallo.it >> Acquista il cibo umido Almo Nature per gatti sul sito www.nonsolocavallo.it

Il gatto è un igienista per eccellenza ma aiutarlo a mantenersi il pelo in ordine e pulito lo possiamo fare con i prodotti UnionBio
Il gatto è un animale molto attento alla propria igiene e passa per questo molto tempo della giornata a leccarsi il pelo, lisciare la pelliccia e a pulirsi in generale.

Il gatto è un animale molto attento alla propria igiene e passa per questo parecchio tempo della sua giornata a leccarsi il pelo, lisciare la pelliccia e a pulirsi in generale. Per mantenere il manto sempre lucido e pulito, i gatti utilizzano innanzitutto la loro saliva, ma anche la loro lingua ruvida che serve ad eliminare il pelo morto. Sono in grado di raggiungere qualsiasi parte del corpo: il muso, ad esempio, dove depositeranno della saliva sulle zampe anteriori, che useranno per pulirsi la testa o dietro le orecchie. Leccare il corpo permette di rimuovere polvere e sporco, rende il manto morbido e può diventare un utile rimedio contro i parassiti. Inoltre, può aiutare l’animale a ridurre la temperatura nei mesi più caldi nell’anno. Vi sono, poi, motivazioni psicologiche per cui il gatto si lecca: aiuta, infatti, a calmare lo stesso da ansia, frustrazione, nervosismo o paura. Detergif Cat è una lozione naturale che aiuta il gatto nella sua igiene quotidiana senza lasciare sul pelo residui chimici che l'animale potrebbe ingerire, nè profumi forti che tendenzialmente potrebbero infastidirlo. E' un prodotto facile da utilizzare che non richiede risciacquo, che igienizza l'animale, lasciando un delicato profumo di rosa non fastidioso. La naturalezza della formula di Detergif Cat lo rende idoneo ad un utilizzo frequente perchè non irrita nè secca la pelle dell'animale. > Acquista Detergif Cat su www.nonsolocavallo.it - Deterge il pelo - Deodora con una gradevole e naturale profumazione al legno di rosa e lavanda - Nutre la pelle e lucida il pelo - E’ facile e veloce da utilizzare - Non contiene PEG, Parabeni o alchool - La sua formulazione non altera il pH cutaneo, non irrita la pelle e non disturba l’animale - Non occorre risciacquare - E’ indicato anche per pelli sensibili, parti intime ed il muso Nebulizzare direttamente sul pelo o su un panno inumidito, massaggiare e lasciare asciugare. Ripetere anche più volte al giorno o all’occorrenza. COMPOSIZIONE: Aqua, Coco-Glucoside (and) Glyceril Oleate, Polysorbate 20, Lavandula officinalis, Calendula officinalis, Sodium benzoate, Potassium sorbate, MATRICE U.B.®. Conservare in luogo fresco ed asciutto a riparo da fonti di calore. MATRICE U.B.® estratto acquoso di Olea europaea. Fitocomplesso attivo polivante. LAVANDULA OFFICINALIS azione deodorante. CALENDULA OFFICINALIS azione lenitiva. PRODOTTO NATURALE. TESTATO SCIENTIFICAMENTE. QUALITA' CONTROLLATA IN LABORATORIO. NO TEST SU ANIMALI > Acquista Detergif Cat su www.nonsolocavallo.it